Technology in the classroom

Negli ultimi dieci anni l'ambiente scolastico è cambiato radicalmente. Oggi, le tecnologie interattive e di assistenza all’insegnamento rappresentano una perfetta estensione dell'aula e offrono una piattaforma per coinvolgere e fare crescere le giovani menti.

L'inserimento di tecnologie interattive all'interno del contesto educativo può andare a beneficio di insegnanti e studenti. A tale proposito, TinyGreenPC ha parlato con Denise Ainsworth, assistente in Tecnologie e membro del Digital Leader Team presso l’LSA Tecnology e Performing Arts College, per capire meglio l'uso della tecnologia interattiva in aula e i suoi benefici.

Come è riuscita a inserire la tecnologia all'interno dei suoi piani didattici?

Nell’insegnamento di Design e Tecnologia (tessile, grafica, alimentare, elettronica, materiali e ingegneria), una certa dose di tecnologia informatica è già prevista nei piani didattici.
Tutte le aule sono dotate di proiettore o lavagna intelligente. I supporti informatici che utilizziamo possono spaziare da PowerPoint a iMovie, da YouTube ai video clip, fino alle applicazioni interattive su lavagna intelligente basate su Nearpod. Se lavoriamo su una piattaforma di elaborazione possono essere richieste delle attività su Serif o Solid Works oppure della progettazione 2D.

Di tutte le materie che insegna, quali fanno più affidamento sull'uso della tecnologia?

Le lezioni grafiche sono spesso incentrate su piattaforme di elaborazione che consentono agli studenti di utilizzare pacchetti CAD (Computer-Aided-Design) come Solid Works per il disegno 3D e per la progettazione 2D. Ciò aiuta gli studenti a comprendere l'uso di CAD e CAM (Computer-Aided Manufacturing). Questi progetti possono essere utilizzati in combinazione con laser o cutter. Yenka è utilizzato specificamente in elettronica per la produzione di circuiti digitali.

Il corso degli studi GCSE si basa molto sull'utilizzo di presentazioni digitali in formato CD o A3: questo è spesso difficile in quanto le dotazioni informatiche non sono sufficienti. Molti studenti quindi utilizzano le proprie attrezzature a casa e stampano il lavoro a scuola trasferendolo attraverso una chiavetta. All'interno dell’aula che ospita il corso di tecnologie tessili sono presenti cinque computer da condividere tra ventiquattro studenti o più.

Che dimensioni hanno i touchscreen utilizzati all'interno della vostra scuola e quali sono i vantaggi che offrono rispetto alle lavagne tradizionali?

Large touchscreens in the classroomI grandi touchscreen sono ampiamente utilizzati in tutta la scuola, ma in alcune sezioni più che in altre. Nei corsi di matematica e informatica vengono utilizzati di più in quanto le due materie sono associate in ogni classe. Gran parte dell'attività didattica è programmata al minuto per utilizzare il più possibile lo schermo interattivo, consentendo agli insegnanti di fornire esempi chiari e pratici agli alunni usando la lavagna come touchscreen o penna elettronica. Essi sono utilizzati anche con altri dispositivi elettronici come telefoni e iPad.

Gli studenti di matematica sono di solito più predisposti, quindi entra in gioco la personalità piuttosto che la capacità. La maggior parte degli studenti preferisce lavorare con l’elettronica, quindi i tassi di coinvolgimento raggiungono il loro livello ottimale, che si usi il touchscreen o un altro dispositivo per interagire con esso. Indipendentemente dal livello di abilità degli studenti, tutti usano questa tecnologia e vi si relazionano abbastanza bene.

Nell'area Technology abbiamo un touchscreen inserito nella piattaforma informatica: questo è l'ideale per insegnare i nuovi software e per indurre gli studenti a partecipare.

Molti studenti che in un ambiente d'aula tradizionale non sarebbero in grado di proporre risposte o soluzioni, sono più disposti a utilizzare il touchscreen: questo permette di creare un clima di inclusione e di differenziazione naturale. Gli studenti spesso lavorano meglio quando possono vedere i loro coetanei risolvere i problemi sul touchscreen anziché l'insegnante; in questo senso, i più capaci sono spesso usati come coach, facilitando il lavoro di chi fatica a rimanere al passo.

Stiamo trovando modi sempre nuovi per utilizzare sia il touchscreen sia la lavagna e il proiettore: utilizzando questa forma di interazione, gli studenti sono molto meno chiusi. Durante una lezione di comportamento o educazione civica, ad esempio, agli studenti viene spesso chiesta la loro opinione. Venticinque persone che gridano tutti insieme: non è il modo migliore di gestire la situazione. Per contro questa tecnologia offre un formato di presentazione migliore e più chiaro che permette a tutti di far sentire la propria voce e contribuire alla discussione di gruppo in modo costruttivo.

Ha qualche esperienza di insegnamento a studenti con difficoltà di apprendimento, ad esempio dislessia o disturbi dell’attenzione? In caso affermativo, ritiene che la tecnologia migliori l'impegno e il coinvolgimento all'interno della classe?

Nella classe vi sono sempre allievi con particolari esigenze educative; permettendo loro di lavorare sul computer per produrre lavori scritti spesso è possibile raggiungere maggiori successi rispetto all’uso di carta e penna. Possono eseguire il controllo ortografico rendendo il loro lavoro leggibile; talvolta questi studenti vengono dotati di un computer portatile. Ciò sembra essere d’aiuto in presenza di comportamenti discontinui, consentendo di aumentare il grado di concentrazione.

A volte però, se la capacità di lettura è molto bassa e la comprensione è debole, incontrano problemi con i pacchetti CAD complessi in quanto per loro è difficile leggere e capire le istruzioni per utilizzare le funzioni del software.

Trovano difficili da interpretare anche i comandi software: per questo motivo chiedo loro di lavorare in coppia per discutere gli eventuali problemi che possono incontrare. Tuttavia, ho visto studenti dislessici eccellere nell'uso dei simboli o semplicemente adottare un approccio intuitivo per lavorare con i pacchetti CAD.

Internet in the Classroom

Nel corso della sua carriera di insegnante, quale ritiene sia stato il progresso tecnologico più utile per la didattica?

Internet, su qualunque dispositivo: smart board, smartphone, iPad/tablet o computer. Questa risorsa ha un valore inestimabile in quanto supporta il lavoro in classe e a casa, sostituisce i libri di testo, consente di risparmiare denaro e risorse: qualunque informazione è a portata di mano quando serve.

Come sono cambiate le vostre metodologie didattiche dopo l'introduzione della tecnologia in aula?

Sono evolute nel corso del tempo: prima di fare l'insegnante, ho lavorato come designer Corel Draw alla progettazione di prodotti di abbigliamento e d'imballaggio, e ho operato nel campo della produzione computerizzata in fabbriche di maglieria. Nella mia prima scuola come insegnante di nuova nomina (12 anni fa), ho lottato per portare il CAD in aula durante lezioni di grafica, migliorando i voti degli studenti. In quel periodo mi è stato fornito un portatile con uno schermo di grandi dimensioni, nonostante la maggior parte degli insegnanti ne fosse sprovvista.

Essere un membro del Digital Team significa essere leader nel digitale. Sono dotato di computer portatile, iPad e iPhone: tutti sono collegati e posso essere contattato in qualsiasi momento. L'anno scorso ho guidato un team per la sperimentazione di nuove applicazioni su computer portatili per l'uso in aula e mi sono trasformato in un avatar virtuale per presentare i risultati.

Abbiamo avuto un BOYD (giornata in cui è possibile portare il proprio dispositivo a scuola) in cui gli studenti hanno usato i loro dispositivi per eseguire ricerche, rispondere a quiz e caricare i lavori. Agli studenti è concesso di utilizzare i telefoni e connettersi a Internet da scuola, ma solo su autorizzazione dell'insegnante. Si è evidenziato, infatti, un uso troppo invadente dei telefoni (con conseguenti perdite di tempo) e ora vi sono delle regole severe sul loro impiego.

Io sfrutto la tecnologia in aula solo quando è necessario, non per il gusto di farlo. Se voglio utilizzare la tecnologia per risolvere un problema o impartire una lezione particolare, prima imparo come fare e poi condivido i risultati con il gruppo Innovation o Digital in modo che anche altri possono fare lo stesso.

Technology in the classroom

Chi ritiene possa trarre i maggiori benefici dall'uso della tecnologia in aula?

Tutti. Molto spesso gli studenti possono aiutare gli insegnanti a capire quali metodi o applicazioni utilizzare al fine di migliorare il loro apprendimento e il loro impegno.

Si sente abbastanza competente per utilizzare con sicurezza qualsiasi nuova tecnologia in aula?

Sì, la tecnologia è sempre stata una parte importante della mia vita lavorativa e continuerà a esserlo. La prossima settimana il team digitale prenderà parte a una giornata di formazione di Apple per aumentare ulteriormente l'uso dei nostri iPad nel corso del prossimo anno. Mi piace creare fogli di lavoro, presentazioni e risorse: questo semplifica l'insegnamento e rende l'apprendimento facilmente accessibile a tutti.

Vuoi prenotare una demo e vedere come un touchscreen può aiutare la tua attività didattica?